ELIGIO PAONI “MUSICA IN ARTE”

0
863
Sabato 21 Maggio 2016 alle ore 18

Musica inArte di Eligio Paoni

Eligio
Paoni e Ileana Florescu, Cronotipi (2015), Musica inArte, 2016

a cura di Francesco Mancuso. 

L’esposizione sarà aperta al pubblico anche domenica 22
Maggio dalle ore 10 alle 22.

Eligio Paoni è una firma del fotogiornalismo e ha il suo studio al Pastificio Cerere dove si dedica al design e alla costruzione
di 
apparecchiature di riproduzione musicale attraverso il riuso di materiali.

L’incontro con  ventisei artisti si rivela una formidabile occasione che fonde arte,
design, artigianato e musica, moltiplicandone sensi ed emozioni.
Eligio
Paoni e Pietro Ruffo, De hortus (2015), Musica inArte, 2016
Artisti
Josè Angelino, Myriam B., Matteo Basilè, Jasmine
Bertusi, Veronica Botticelli, Auro e Celso Ceccobelli, Bruno Ceccobelli,
Ottavio Celestino, Simon D’Exéa, Giovanni De Cataldo, Ileana Florescu,
Rossella Fumasoni, Giuseppe Gallo, Cristian Xian Lucarelli, Valeria Molaioli,
Nunzio, Giangaetano Patanè, Leonardo Petrucci, Piero Pizzi Cannella, Gianni
Politi, Oliviero Rainaldi, Calixto Ramirez, Pietro Ruffo, Maurizio Savini,
Paolo Tamburella, Marco Tirelli.
Biografia
Eligio Paoni (1957,
Terracina) è un designer artigiano, realizzatore di macchine per l’ascolto
della musica. Materiali e oggetti spesso anonimi prendono forma in
giradischi analogici, cd player digitali e amplificatori dalle forme
rastremate ed essenziali, a volte leggeri e trasparenti in metacrilato e
cristallo, altre volte granitici e imponenti come detta la scienza
dell’esoterismo musicale. Spingendosi ad azzardare soluzioni tecniche
ed estetiche al limite, realizza pezzi unici in cui fonde oggetti di recupero
non immediatamente riconoscibili a elementi creati ad hoc.
“La musica è
bella anche da guardare” è il motto con cui Eligio Paoni riassume tutto
il suo lavoro che accosta al piacere dell’ascolto quello della visione.
Ha
collaborato con gli artisti Maurizio Savini all’opera Anita (Arte Fiera Bologna,
2011) ed Elisa Strinna in Wood Songs (Artissima Torino, 2014).
INGRESSO
LIBERO

Spazio Cerere

Via degli Ausoni 3
00185 Roma
#arte
#musica
#pastificiocerere
Articolo precedentePrima asta romana di archeologia di alto pregio
Articolo successivoDREAMERS: I SOGNATORI DI PAOLO BORRELLI
Ciao, sono Emanuela, donna, moglie, madre e blogger con studi classici e formazione giuridica, eclettica per natura e per destino, “nerd” quanto basta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here