FOTOGRAFIA: FERDINANDO SCIANNA “OBIETTIVO AMBIGUO”

0
588

FERDINANDO SCIANNA

Obiettivo ambiguo


 

 
Formato: 16×22,4 cm
Confezione: cartonato dorso telato
Pagine: 384
Collana: In Parole
 
 
Una nuova edizione riveduta e aggiornata  
con nuovi testi e arricchita da fotografie
 
“Riunire scritti pubblicati nel corso di quasi mezzo secolo è sempre temerario. Una volta pubblicati insieme diventano tutti contemporanei. Così li riceve il lettore, e ne cerca la coerenza. Ma chi può dirsi fedele a se stesso per un tempo così lungo? Cambia il mondo e cambiamo noi. Tuttavia non ho voluto per questa nuova edizione accresciuta, come non l’ho fatto per prima, tentare una coerenza impossibile.”
Ferdinando Scianna
 
Ferdinando Scianna sarà a Forma Meravigli (Milano), giovedì 5 novembre alle 18.30 per un firma copie di Obiettivo ambiguo, in occasione dell’evento dedicato alla celebrazione dei cinquanta anni del suo primo libro Feste religiose in Sicilia.


Contrasto propone una nuova edizione di Obiettivo ambiguo di Ferdinando Scianna (ormai fuori catalogo da tempo), riveduta e aggiornata con nuovi testi e arricchita da fotografie. Obiettivo ambiguo è diventato un classico.

“Faccio fotografie da quarant’anni. Non si esercita un mestiere vissuto come passione senza riflettere sul senso di quello che si fa, senza confrontarsi con se stesso e con i propri maestri, senza vivere ed esprimere i propri entusiasmi e le proprie idiosincrasie. Così, da quasi altrettanti anni, scrivo, anche, di fotografia e sulla fotografia, sui fotografi soprattutto.”

La mostra “Peintres de l’Imaginaire” al Grand Palais. Parigi, 1972
© Martine Franck/Magnum Photos/Contrasto

Ferdinando Scianna nasce a Bagheria in Sicilia, nel 1943. Comincia a fotografare negli anni ’60, mentre frequenta la facolta di Lettere e Filosofia all’ Universita di Palermo. In questo periodo fotografa, in modo sistematico, la sua terra, la sua gente, le sue feste. Nel 1965 esce il volume Feste Religiose in Sicilia, con un saggio di Leonardo Sciascia: ha così inizio una lunga collaborazione e amicizia tra Scianna e lo scrittore siciliano. Pochi anni piu tardi, nel 1967, si trasferisce a Milano, lavora per L’Europeo, e poi come corrispondente da Parigi, citta in cui vivrà per dieci anni. Nel 1977 pubblica in Francia Les Siciliens (Denoel), con testi di Domenique Fernandez e Leonardo Sciascia, e in Italia La villa dei mostri, sempre con un’introduzione di Sciascia. A Parigi scrive per Le Monde Diplomatique e La Quinzaine Litteraire e soprattutto conosce Henri Cartier-Bresson, Ie cui opere lo avevano influenzato fin dalla gioventù. Il grande fotografo lo introdurrà nel 1982, come primo italiano, nella prestigiosa agenzia Magnum. Dal 1987 alterna al reportage la fotografia di moda riscuotendo un successo internazionale. É autore di numerosi libri fotografici e svolge da anni un’attività critica e giornalistica; ha pubblicato moltissimi articoli su temi relativi alla fotografia e alla comunicazione per immagini in generale. Gli ultimi libri pubblicati con Contrasto sono Ti mangio con gli occhi (2013) e Visti&Scritti (2014).

Articolo precedenteFOTOGRAFIE: AL MUST THE CINEMA SHOW
Articolo successivoARTE: DEDICATO A LORENZO VIANI ALLA GAMC DI VIAREGGIO
Ciao, sono Emanuela, donna, moglie, madre e blogger con studi classici e formazione giuridica, eclettica per natura e per destino, “nerd” quanto basta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here