FOTOGRAFIA A ROMA “HARRAGA”

0
614
 
Giulio Piscitelli presenta
HARRAGA
In viaggio bruciando le frontiere

a Roma
martedì 4 aprile 2017 ore 19
Officine Fotografiche
Via Libetta 1


FORMATO: 20×26
CONFEZIONE: cartonato
PAGINE: 182
FOTOGRAFIE: 130 foto a colori
PREZZO: 39 Euro
Un’umanità plurale, altrove rappresentata senza volto e senza voce, anima i percorsi testimoniati in questo libro.
Alessandro Leogrande


La nostra imbarcazione, dieci metri di legno invecchiato da anni di mare, prosegue senza sosta per le prime otto ore sotto il peso di 120 corpi.
Giulio Piscitelli

Mar Mediterraneo, aprile 2011. © Giulio Piscitelli/Contrasto

A Roma la presentazione di Harraga. In viaggio bruciando le frontiere, il libro di Giulio Piscitelli pubblicato da Contrasto (in italiano e inglese) e curato da Giulia Tornari.  Un’occasione per ascoltare il racconto dell’esperienza del fotogiornalista italiano in dialogo con Giulio  la curatrice Giulia Tornari.
Harraga è il termine con cui, in dialetto marocchino e algerino, si definisce il migrante che viaggia senza documenti, che “brucia le frontiere”. Giulio Piscitelli ha seguito le rotte dei migranti che provano a entrare in Europa. Lo ha fatto nel Mediterraneo orientale e in quello occidentale, imbarcandosi in Tunisia per raggiungere le coste italiane, documentando le enclave spagnole di Melilla, i viaggi verso Lampedusa, i profughi del Corno d’Africa che attraversano il deserto, i siriani, gli iracheni, gli afghani che approdano sulle isole greche nella speranza di raggiungere l’Europa.

 

Harraga è una testimonianza unica, in immagini e parole, del periodo storico che stiamo attraversando; un archivio visivo .

Completano il volume un testo introduttivo di Alessandro Leogrande e le mappe inedite disegnate appositamente per questo lavoro dal cartografo Philippe Rekacewicz.
Con questo reportage, che sarà esposto a Forma Meravigli (Milano) dal 24 febbraio al 26 marzo 2017, Giulio Piscitelli ha vinto la 13esima edizione del Premio Amilcare G. Ponchielli, istituito dal GRIN (Gruppo Redattori Iconografici Nazionale).

Calais, Francia, novembre 2015. © Giulio Piscitelli/Contrasto

Giulio Piscitelli (Napoli, 1981), dopo la laurea in Scienze della Comunicazione, si avvicina alla fotografia iniziando a collaborare con agenzie di news italiane e straniere. Dal 2010 lavora come freelance, realizzando reportage sull’attualità internazionale. I suoi lavori sono stati esposti al Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia, all’Angkor Photo Festival, al Visa pour l’Image, presso la War Photo Limited Gallery e la Hannemberg Gallery. A partire dal 2010 si è concentrato sulla crisi migratoria in Europa, producendo il lavoro da cui è tratto Harraga; contemporaneamente ha esteso il suo interesse fotogiornalistico alle crisi internazionali, documentando il colpo di stato in Egitto, la guerra in Siria, Iraq e Ucraina. I suoi lavori sono apparsi su quotidiani e riviste in Italia e all’estero, tra cui: Internazionale, New York Times, Espresso, Stern, Io donna, Newsweek, Vanity Fair, Time, La Stampa, Vrji. Attualmente Giulio Piscitelli vive a Napoli e il suo lavoro è rappresentato dall’agenzia Contrasto dal 2013.
Alessandro Leogrande, nato a Taranto nel 1977, vive a Roma. Scrittore e giornalista, è stato per dieci anni vicedirettore del mensile Lo Straniero. Nelle sue inchieste si è occupato di questioni sociali, politiche e ambientali, e con alcuni reportage narrativi ha raccontato i viaggi dei migranti, il Mediterraneo contemporaneo, lo sfruttamento dei nuovi braccianti. Tra i suoi libri: Uomini e caporali (Mondadori 2008/Feltrinelli 2016), Il naufragio (Feltrinelli 2011; da cui è stata tratta l’opera Kater i Rades di Admir Shkurtaj, con la regia di Salvatore Tramacere, che ha debuttato alla Biennale Musica 2014), Fumo sulla città (Fandango 2013), La frontiera (Feltrinelli 2016).
Philippe Rekacewicz (Parigi, 1960) è geografo, cartografo e information designer. Laureato in Geografia presso l’Università Paris 1 Panthéon-Sorbonne, ha lavorato per Le Monde diplomatique dal 1988 al 2014. Tra il 1996 e il 2008 ha anche diretto il dipartimento di Cartografia del GRID-Arendal in Norvegia, centro che collabora con il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP). Esperto di geopolitica e relazioni internazionali, si occupa di soprattutto di problematiche legate a migrazioni, profughi, dislocamenti forzati e frontiere. Attualmente sta lavorando a numerosi progetti socioeconomici incentrati sulla creazione di spazi pubblici e privati e sulla percezione e rappresentazione delle frontiere. Studia con profondo interesse i nessi tra cartografia, arte, scienza e politica. Dal 2006 ha partecipato a progetti di cartografia artistica in diversi paesi europei. Al momento sta anche conducendo una ricerca sulla “cartografia sperimentale”.

 

 
#FOTOGRAFIA
#HARRAGA
Articolo precedenteFOTOGRAFIA A ROMA “”EUR 42 | OGGI – Visioni differenti”, foto di Carlo d’Orta | Roma, HONOS ART “
Articolo successivoLIBRI ” UN MILIARDO DI ANNI PRIMA DELLA FINE DEL MONDO”
Ciao, sono Emanuela, donna, moglie, madre e blogger con studi classici e formazione giuridica, eclettica per natura e per destino, “nerd” quanto basta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here