La Galleria del Cembalo presenta quattro fotografi sul tema del corpo

0
51
Karmen Corak a The Phair 2022
Karmen Corak_Unveild_ArcvalPigmentPrinT_2014

La Galleria del Cembalo presenta a The Phair 2022 (la fiera internazionale dedicata alla fotografia e all’immagine) quattro fotografi Sul Corpo: Paolo Gioli, Paolo Pellegrin, Karmen Corak e Cristina Vatielli.

The Phair 2022

Dal 27 al 29 maggio 2022

Torino Esposizioni, Padiglione 3

Via Francesco Petrarca, 39/b – Torino

La Galleria del Cembalo è una galleria romana specializzata in fotografia, che porta a The Fair 2022 il suo progetto Sul Corpo con i lavori di quattro fotografi, conosciuti in tutto il mondo: due uomini e due donne.

Paolo Gioli (recentemente scomparso), Paolo Pellegrin e due artiste molto apprezzate e dallo sguardo sensibile: Karmen Corak e Cristina Vatielli. Sono quattro fotografi – seguiti in modo approfondito dalla Galleria del Cembalo – che hanno esplorato in modi diversi e personali il tema del corpo; da approcci e tecniche differenti, ma con un’unica suggestione di immagini e intense emozioni.

 

Paolo Gioli a The Phair 2022
Paolo Gioli

The Phair – neologismo tra Photography e Fair-  è un’idea di Roberto Casiraghi e Paola Rampini. La fiera internazionale, su inviti, è rivolta 50 delle più prestigiose gallerie d’arte contemporanea – italiane e le straniere – per presentare i loro progetti artistici legati all’immagine, con opere fotografiche o video.

La Galleria del Cembalo ha selezionato le sue immagini Sul Corpo presentando un linguaggio sensibile e potente degli artisti scelti.

Di Paolo Gioli – fotografo e artista multiforme, fuori dagli schemi, apprezzato e seguito a livello internazionale – saranno inserite alcune polaroid di grande formato, appartenenti alle serie “Vessazioni” e “Luminescenti”. Tutte opere particolarmente originali e sperimentali.

Le prime (chiamate anche Abuses) rappresentano visi o torsi umani con segni di sofferenza: sono fotografie con interventi di pittura e parte di una ricerca in cui Gioli diceva di voler:

“vedere che rapporto ci può essere tra una materia tecnologica sofisticata, contemporanea (come il polaroid) e le materie antiche come può essere la preparazione all’olio”.

Le seconde, riprendono antiche sculture romane, collocate nei depositi dei Musei Capitolini di Roma, realizzate con materiale fosforescente dai lunghissimi tempi di esposizione.

Infatti Gioli rifletteva spesso la storia dell’arte, da quella antica a quella moderna. Il suo lavoro è originale per varietà, unicità dello stile e tecnica delle opere.

Un altro importante progetto sono gli scatti di nudi femminili ritratti in Congo, del  fotografo Paolo Pellegrin, che dal 2005 è membro dell’agenzia Magnum Photos.

 

Paolo Pellegrin Congo 2013 a The Phair
Paolo-Pellegrin-Congo-1-2013-scaled

Invece il contributo di Karmen Corak a The Phair 2022 è un polittico dal titolo “Unveiled“. Si tratta di un lavoro sul ritratto femminile, con parti del corpo che vengono scoperte dalle mani delle donne:come un gioco di panneggi ispirato all’arte classica, con un senso di pudore.

Nel lavoro di Corak il corpo umano perde la sua autorappresentazione e si allontana da significati sessuali, diventando uno strumento di indagine e un linguaggio.

Infine, Cristina Vatielli propone il tema della fertilità e l’immersione nella Natura con “Terra Mater“, con una serie di immagini realizzate dall’alto con un drone. Il corpo femminile qui è vulnerabile, ma cullato dagli elementi naturali, attraverso autoritratti di nudi e seminudi immersi nella natura. Dentro luoghi che rimandano a paesaggi primordiali e incontaminati.

 

TERRA MATER. Cristina Vatielli / Galleria del Cembalo a The Phair 2022
TERRA MATER. Cristina Vatielli / Galleria del Cembalo

Oltre a The Phair 2022, la Galleria del Cembalo prosegue la sua attività espositiva anche con due mostre a Roma, nella sede di Palazzo Borghese:

Mare Omnis di Francesco Zizola (visitabile fino al 30 giugno) e Epifanie/03 – LAB/per un laboratorio irregolare a cura di Antonio Biasiucci (visitabile fino al 14 maggio): con opere di Paolo Covino, Alessandro Gattuso, Valeria Laureano, Laura Nemes-Jeles, Claire Power, Ilaria Sagaria, Giuseppe Vitale e Tommaso Vitiello.

 

Galleria-del-Cembalo presenta quattro fotografi a The Phair 2022
Galleria-del-Cembalo-5-Fotografia-di-Massimo-Siragusa

Poi, in programma per la stagione autunnale é prevista una mostra di Cristina Vatielli; peraltro, a The Phair 2022, sarà possibile vedere, in assoluta anteprima, alcune opere che l’artista esporrà a ottobre alla Galleria del Cembalo.


INFORMAZIONI 

Galleria del Cembalo partecipa a The Phair 2022

Dal 27 al 29 maggio 2022

PREVIEW E OPENING: 26 maggio 2022

Torino Esposizioni, Padiglione 3 – Via Francesco Petrarca, 39/b – Torino

INFO: https://www.thephair.com/

 

TERRA MATER. Cristina Vatielli / Galleria del Cembalo
TERRA MATER. Cristina Vatielli / Galleria del Cembalo
Articolo precedenteArte negli Spazi Temporanei Fondazione Rusconi
Articolo successivoFabrizio Bosso con “Overjoyed”
Ciao, sono Emanuela, donna, moglie, madre e blogger con studi classici e formazione giuridica, eclettica per natura e per destino, “nerd” quanto basta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here