Fabio Ciminiera presenta Il tempo di un altro disco al JazzFlirt Festival di Formia

0
1669


Fabio
Ciminiera presenta Il tempo di un altro disco al JazzFlirt Festival di
Formia

 

JazzFlirt Festival

 

Formia. Sala
Sicurezza (Comune di Formia)
Sabato 19 settembre. ore 18.30


www.jazzflirt.net
www.facebook.com/iltempodiunaltrodisco

 
 
 
Sabato 19
settembre
, alle ore 18.30, Fabio Ciminiera presenta il libro Il
tempo di un altro disco
al festival JazzFlirt di Formia.
L’incontro si terrà presso la Sala Sicurezza del Municipio della città
laziale e sarà ad ingresso libero.

 

 

 

Il tempo di un
altro disco
è un racconto autobiografico in musica, realizzato attraverso
ascolti, riflessioni, passioni e condivisioni. Una storia che riporta al centro
il piacere per la musica, attraverso le canzoni con cui si è sviluppata la
passione per gli interpreti delle varie stagioni del rock e del jazz, una storia
fatta di episodi, ricordi, ironia e tanta curiosità. Il libro riporta alla luce
aneddoti e acquisti di dischi, si passa per pochi attimi dietro le quinte dei
concerti, si scorrono le immagini dei grandi del rock, le copertine dei dischi,
si cerca il lato migliore, e quello meno accattivante, di ogni
supporto.

 

Il libro nasce dall’unione di due anime.
Il Record Store Tale, reading realizzato in occasione del Record Store
Day 2013, e un saggio sul mercato discografico. Tra i due “solchi”, si
inseriscono testi scritti appositamente per il libro: domande, riflessioni
condivise, rimuginazioni su dialoghi e scambi di e-mail, pensieri vaganti ai
margini di una recensione o di un concerto, concetti scaturiti a partire dalle
interviste. Fili logici e narrativi che aggiungono sostanza senza mai
abbandonare il tono divertito che, sin dalle prime battute, ritroviamo nelle
pagine de Il tempo di un altro disco.

 

 

 

Fabio
Ciminiera
è redattore di Jazz Convention (www.jazzconvention.net) e autore
dei programmi di Jazz Convention on TV, si occupa di jazz e, in generale, di
musica in ruoli diversi: conduttore radiofonico e televisivo, redattore e
critico, ufficio stampa e organizzatore di concerti. Dal 2007 fa parte dello
staff del Pescara Jazz Festival. Nel maggio 2009, ha pubblicato, per Ianieri
Edizioni, il libro Le Rotte della musica, dedicato ai suoni e ai protagonisti
della vita musicale del Mediterraneo. Ha collaborato con Mediterranea on line e
Strumenti e Musica. Ha condotto, insieme a Ferruccio Benvenuti, la trasmissione
televisiva Jazz-a-Like in onda su TV6 e ha fatto parte della giuria di critici
della trasmissione Saranno Calibri in onda su Radio Delta
Uno.

 

L’Associazione JazzFlirt-Musica & altri Amori
prosegue, quindi, con la nuova edizione della rassegna, il lavoro
intrapreso nel 2004 e consolida il dialogo promosso nelle precedenti stagioni
con gli esponenti delle tante anime del jazz italiano. Sui palchi allestiti
dall’associazione sono infatti passati gli esponenti più celebri come i talenti
emergenti, hanno avuto ospitalità il mainstream e le sperimentazioni. JazzFlirt è diventata, con un percorso costituito da
passi decisi e determinati, una realtà di riferimento per la scena jazz
nazionale avendo ospitato negli anni i musicisti più interessanti del panorama
italiano e diversi protagonisti del jazz internazionale come Roberto Gatto,
Gianluigi Trovesi, Paolo Fresu, Francesco Bearzatti, William Parker, Enrico
Pieranunzi ed Ada Montellanico, Antonio Zambrini, Ben Allison, Mirko Signorile,
Stefano Bollani, John Abercrombie, Greg Burk, Gaetano Partipilo, Pasquale
Innarella, Eddie Gomez, Silvia Bolognesi, Cuong Vu, Quintorigo e molti
altri.

 

Il programma musicale dell’edizione 2015 di JazzFlirt
presenta, venerdì 18 settembre, la voce di Ainé, il cantante già
presente nelle formazioni guidate da Gegé Telesforo e una delle rivelazioni più
recenti nell’R&B italiano. La serata sarà aperta dai giovani talenti del
Bag’s Groove Trio. Sabato 19 settembre, invece, sarà la volta di Black
Out
, formazione guidata dal trombettista Fabio Morgera e completata
da Riccardo Bianchi alla chitarra, Riccardo Fassi all’organo e Bernardo Guerra
alla batteria. Morgera prosegue la sua ricerca attraverso le tensioni
metropolitane newyorchesi
, “luogo musicale” dove confluiscono tanto le
tradizioni del jazz, quanto i ritmi della black music e le sonorità elettriche.
Il quartetto sarà preceduto sul palco da Opus Incertum, quintetto rivolto alla
sintesi tra atmosfere mediterranee e jazz. Tutte le informazioni relative ai
concerti si possono trovare sul sito del festival: www.jazzflirt.net.

 

 

 
Articolo precedenteCASA DEL CINEMA | evento per trentennale morte CALVINO e calendario appuntamenti
Articolo successivoautumn is coming
Ciao, sono Emanuela, donna, moglie, madre e blogger con studi classici e formazione giuridica, eclettica per natura e per destino, “nerd” quanto basta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here