IL CONCERTO DI CAPODANNO A ROMA CON ROMA SINFONIETTA

0
222
Vincenzo Bolognese suona al concerto di capodanno 2020 con l'Ensamble Roma Sinfonietta al Teatro Tor Bellamonaca
Vincenzo Bolognese ph di Massimo renzi

Roma festeggia il Capodanno 2020 anche con i valzer di Strauss e il tango di Astor Piazzolla insieme a l’Ensemble Roma Sinfonietta e al violinista Vincenzo Bolognese.

Il concerto sarà Mercoledì 1 gennaio alle ore 18.00.

L’Ensamble si trasferisce eccezionalmente per il concerto al Teatro Tor Bella Monaca, in via Bruno Cirino.

Il programma del concerto è suddiviso in due grandi parti accostando le sonorità argentine di Astor Piazzola, il creatore del nuevo tango, alla classicità dei valzer di Johann Strauss junior.

 

Al concerto di Capodanno 2020 il violinista Vincenzo Bolognese suona con Roma Sinfonietta
Vincenzo Bolognese
Per la prima parte ascolteremo:

Oblivion”, “Libertango” e le “Cuatro Estaciones Porteñas” (Le quattro stagioni di Buenos Aires), equivalente moderno delle Quattro Stagioni di Vivaldi immerse nelle atmosfere, nei colori e nei suoni di Buenos Aires.

Nella seconda parte ascolteremo invece:

due polke veloci vivaci e trascinanti come “Leichtes Blut” (A cuor leggero) e “Unter Donner und Blitz” (Tra tuoni e fulmini) e infine i valzer, tipici della tradizione di Capodanno.

In programma “Wein, Weib und Gesang” (Vino, donna e canto), uno dei più famosi, e  “Rosen aus dem Süden” (Rose del sud), dedicato “col più profondo rispetto a sua Maestà Umberto I re d’Italia”; con l’inevitabile immagine del Vesuvio sulla prima pagina dello spartito.

Biglietti: intero € 10, ridotto € 8, studenti € 5 (acquistabili al Teatro Tor Bella Monaca in via Bruno Cirino)

Info: tel 06/2010579
promozione@teatrotorbellamonaca.it

Infine, completo il post con due biografie.

VINCENZO BOLOGNESE

Nato a Lecce, allievo di suo padre e di Felix Ayo e si è diplomato in violino e musica da camera con il massimo dei voti, lode e menzione di merito presso il Conservatorio e l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

Si è perfezionato con Salvatore Accardo, Riccardo Brengola e Pierluigi Urbini.

E`stato premiato in numerosi concorsi nazionali e internazionali fra i quali il “Curci” (Napoli 1985 e ’86) e il “Paganini” (Genova 1987) e ha suonato per le più importanti Istituzioni musicali.
Come solista si è esibito con direttori quali Accardo, Ferro, Gelmetti, Henze, Lopez-Cobos, Plasson, Sinopoli, Stern, Temirkanov, Urbini e per la Radiotelevisione italiana, francese, tedesca, monegasca e giapponese.

Nel 1990 è stato insignito della medaglia d’oro dall’Associazione internazionale “Foyer des Artistes”.

È regolarmente invitato in Giappone dove ottiene sempre un grande successo.

Nel 1989 ha inciso in cd le Sei Sonate per violino solo di Ysaye, le trascrizioni di Heifetz per violino e pianoforte, un cd monografico dedicato a Tartini e un cofanetto con la Camerata strumentale di Santa Cecilia interamente dedicato a Paganini con il Quarto Concerto e le Variazioni per violino e orchestra; ha inciso, in prima mondiale, il Concerto in la maggiore di Respighi.

E` stato a lungo Primo violino di spalla dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, ruolo che ricopre attualmente presso l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma.

Vincenzo Bolognese suona un violino “Mattia Albani” della fine del Seicento.

 

L’ORCHESTRA ROMA SINFONIETTA

ha collaborato con grandi musicisti classici, compositori di musica da film e musicisti jazz, pop e rock, come Nicola Piovani, Luis Bacalov, Ennio Morricone, Quincey Jones, Roger Waters, Dulce Pontes, Claudio Baglioni, Amedeo Minghi, Bruce Springsteen, Javier Girotto, Peppe Servillo, Michael Bolton, Michael Nyman, Gianni Ferrio, Jeff Mills, Pino Daniele.

Collabora ininterrottamente da circa 15 anni con Ennio Morricone e con lui ha tenuto concerti nei più grandi e prestigiosi teatri del mondo.

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here