AL MACRO “GILLO DORFLES .ESSERE NEL TEMPO”

0
359
HENRAUX Spa e FONDAZIONE HENRAUX
per

“Gillo Dorfles. Essere nel tempo”

Museo MACRO, Roma
dal 27 novembre 2015 al 17 marzo 2016
Dagli
archivi Henraux una significativa testimonianza di Dorfles sulla Biennale di
Venezia del 1962 e le opere di Henraux esposte al Macro di Roma


Henraux Spa e
Fondazione Henraux sono lieti di annunciare la propria partecipazione alla
mostra
 “Gillo Dorfles. Essere nel tempo” 
curata da Achille Bonito Oliva che si
terrà a Roma, 
Museo MACRO, dal 27 novembre 2015 al 17 marzo 2016.

In occasione della rassegna,
che si propone di offrire un taglio inedito e approfondito del contributo di #GilloDorfles nell’ambito della produzione artistica e culturale del Ventesimo
secolo, verranno esposte, fra le opere componenti il percorso espositivo della
mostra, l’opera originale di Gillo Dorfles “Senza titolo” del 1947 in terracotta
dipinta e la riproduzione della stessa eseguita da Henraux in marmo Versilys,
della collezione #Henraux.

La partecipazione di Henraux
alla rassegna romana dedicata a Gillo Dorfles, la cui figura di artista e di
critico, che ha attraversato con autorevolezza il ‘900 e i decenni del nuovo
millennio, è per la storica azienda versiliese particolarmente
significativa.
Dorfles, già negli anni ’60,
contribuiva, con il suo rigore critico, ai quaderni di Henraux “Marmo 1”
dedicati all’arte plastica.



Particolarmente significativo è il contributo che Gillo Dorfles pubblica su
“Marmo 1” in occasione della XXXI Biennale di Venezia, la cui citazione, in
merito alla scultura è che la stessa è “viva nella maggior parte dei
padiglioni
”.

La scultura, il marmo e l’arte
sono parte integrante della storia di Henraux, fin dalla sua fondazione nel
1821. Testimonianze storiche, come le citazioni del testo critico di Gillo
Dorfles del 1962, sono parte del significativo
corpus degli archivi dell’azienda, a
disposizione di storici e critici dell’arte.
Articolo precedenteLA CASA EDITRICE NUTRIMENTI ALLA FIERA DELLA PICCOLA E MEDIA EDITORIA
Articolo successivoL’OPERA DI STEFANO ARIENTI DIVENTA UN BENEFIT
Ciao, sono Emanuela, donna, moglie, madre e blogger con studi classici e formazione giuridica, eclettica per natura e per destino, “nerd” quanto basta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here