ARTE A GUALTIERI: MARIO BOTTA E ANTONIO LIGABUE

0
562
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
GUALTIERI (RE)

MARIO BOTTA e ANTONIO LIGABUE

“Ho accettato di allestire
l’esposizione per saldare, almeno in parte, un debito morale di riconoscenza
verso un personaggio che non ho mai incontrato”

Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata

Sarà Mario Botta a
curare l’allestimento dell’antologica di Antonio Ligabue che si
terrà a Palazzo Bentivoglio a Gualtieri (RE),
dal 31 maggio all’8 novembre 2015, a cinquant’anni dalla scomparsa
dell’artista.

L’architetto svizzero, tra i più noti e
apprezzati a livello internazionale, si è lasciato coinvolgere dalle suggestioni
create dalla magia di piazza Bentivoglio a Gualtieri, una delle più belle
d’Italia, “chiara e semplice – ha dichiarato Mario Botta, che parla di
un patrimonio che dal Rinascimento fino a De Chirico ha interpretato la “polis”
nella luce mediterranea, dal cinquecentesco complesso architettonico e dal suo
spazio più spettacolare, il Salone dei Giganti, “una meraviglia
architettonica per la dimensione dello spazio, per le pitture degli affreschi
alle pareti e per la carpenteria lignea del tetto
”.

Mario Botta sente di
avere un legame speciale con Antonio Ligabue, “artista selvaggio e primitivo,
vissuto nei decenni scorsi ai margini di questa città, che ora viene
riconosciuto per la profondità del suo essere e per la sapienza del suo
fare”.

È con la consapevolezza del suo lavoro – continua – che
ho accettato di allestire l’esposizione; un’occasione per saldare, almeno in
parte, un debito morale di riconoscenza verso un personaggio che non ho mai
incontrato
”.
L’allestimento prevede un tappeto nero a copertura del
pavimento del Salone dei Giganti per evidenziare la cromaticità delle pareti
mettendone in risalto sfumature, toni, ripristini e lacune. Al visitatore sarà
offerto un confronto tra la solennità di uno spazio aulico con la precarietà del
vivere di Ligabue.

È nell’intento di un dialogo feriale, semplice e
diretto
– conclude Mario Botta – che risiede l’idea dell’allestimento,
sottolineato dalla diagonale del muro espositivo nero che attraversa la pianta
del Salone
”.

L’esposizione, curata da Sandro Parmiggiani e Sergio Negri,
col patrocinio della Regione Emilia Romagna, della Provincia di Reggio Emilia,
del Comune di Gualtieri, è la prima iniziativa organizzata dalla Fondazione
Museo Antonio Ligabue, nata per volere del Comune di Gualtieri, del Banco
Emiliano e di Girefin SpA, con lo scopo di istituire, gestire e promuovere il
Museo Antonio Ligabue e di valorizzare la figura dell’artista e propone oltre
180 opere, alcune mai presentate prima, tra dipinti, disegni, incisioni e
sculture in terracotta.

La rassegna costituisce un punto fermo da cui partire
per una corretta valutazione critica e storica del lavoro di Ligabue;
un’occasione per riaffermare, al di là delle fuorvianti definizioni di naïf o di
artista segnato dalla follia, il fascino di questo “espressionista tragico” di
valore europeo che fonde esasperazione visionaria e gusto decorativo.
Il
percorso si snoda attraverso alcuni dei massimi capolavori di Ligabue, suddivisi
nei tre periodi nei quali si è soliti ripartire la sua opera (1928-1939;
1939-1952; 1952-1962), coprendo tutti i motivi della sua ricerca, dagli animali
domestici e feroci ai paesaggi svizzeri e padani, dagli interni ai ritratti,
fino ai celebri autoritratti.
Catalogo Skira.
Gualtieri (RE), maggio 2015

ANTONIO LIGABUE. Gualtieri
Gualtieri
(RE), Palazzo Bentivoglio (piazza Bentivoglio, 36)
fino al 8 novembre
2015
Orari
dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 13.00; dalle 15.00
alle 19.00 (la biglietteria chiude un’ora prima)
Aperto tutti i festivi
infrasettimanali
Biglietti
Intero: € 8,00; Ridotto: € 6,00; Studenti: €
4,00 (dai 6 ai 18 anni)
Informazioni: tel 0522 221869 |
p.vergnani@comune.gualtieri.re.it
Catalogo Skira (pp. 224; € 28,00 in mostra;
€ 39,00 in libreria)
Articolo precedenteCIBO E INCONTRI A ROMA: “RICETTE UMORALI IL BIS “
Articolo successivoLIBRI : “SULL’HAIKU”
Ciao, sono Emanuela, donna, moglie, madre e blogger con studi classici e formazione giuridica, eclettica per natura e per destino, “nerd” quanto basta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here