FALSEUM. MUSEO DEL FALSO E DELL’INGANNO Castello di Verrone, Biella

0
531
FALSEUM. MUSEO DEL
FALSO E DELL
INGANNO
Castello di
Verrone, Biella
inaugurazione 11
settembre 2015
Fake. Festival del Falso e dellinganno
11/13 settembre 2015, Museo del Falso
e dell
inganno

Venerdì 11 settembre 2015 si inaugura al
Castello di Verrone di Biella Falseum. Museo del Falso e dellinganno.
In occasione dell’inaugurazione del Museo si terrà,
dall’11 al 13 settembre 2015 la prima
edizione del Fake. Festival del Falso e dellinganno.
Promotori delliniziativa sono il comune
di Verrone, proprietario del Falseum e il raggruppamento temporaneo di impresa
che lo gestir
à e che è formato da 5
differenti soggetti del privato sociale e del mondo dell
impresa culturale.

Il Museo del Falso e dell’inganno
non espone oggetti contraffatti ma propone una riflessione sul tema del falso
attraverso un allestimento spettacolare e coinvolgente. La capacità di ingannare i
propri simili è una
delle caratteristiche più tipiche
dell’uomo. Nessun altro essere vivente è in grado di mentire
e dissimulare con la frequenza e l’intenzionalità dell’essere
umano e questo per ragioni più diverse:
difendersi, attaccare, arricchirsi o anche solo divertirsi.
Sull’inganno
si sono costruite nazioni, si è trovato
la giustificazione a guerre ed eccidi, si è stati
capaci di orientare l’opinione pubblica e di fomentare le
masse. Ma sull’inganno si sono anche costruite storie
e leggende che hanno nutrito la fantasia, l’arte
e la filosofia dei popoli.
Il Museo del Falso vuole quindi
raccontare come l’uomo, con il falso, abbia cambiato il
corso della storia. E conoscere i falsi del passato significa apprenderne
meccanismi e allenarsi a distinguere quelli odierni. In un’epoca
in cui ognuno di noi è investito
da un flusso di informazioni continue e in cui la notizia falsa rischia di
avere la stessa verosimiglianza di quella vera, in un’epoca
in bilico tra reale e virtuale, conoscere i falsi del passato significa
apprenderne i meccanismi e allenarsi a distinguerli. 
Il Museo è pensato come una
macchina divertente e coinvolgente, con un allestimento flessibile e facilmente
rinnovabile nei temi. Inoltre il percorso narrativo consente differenti modi di
visita pensati per soddisfare le esigenze di visitatori diversi. Il Falseum
vuole essere un museo esperienziale, capace di stupire ed emozionare e di far
vivere in prima persona un’esperienza del falso attraverso
installazioni multimediali.
Ogni sala propone un tema (falso
scientifico, falso fotografico..) scegliendo un particolare contenuto, una
vicenda principale. La domanda che introduce alle varie aree è sempre la stessa:
sarà vero?
Dalla
donazione
di Costantino al
gonnellino scozzese, dalla teste di Modigliani al mostro di Lochness, dallo
sbarco sulla luna al crollo delle torri gemelle fino alla catena di Sant’Antonio
pubblicata su Facebook, ci sono casi di falso che hanno “fatto
la storia”.
L’allestimento composto da tavoli
interattivi, studi di telegiornale, set fotografici e sale tematiche immergono
il visitatore nella realtà affascinante
e complessa del Museo del Falso. Personaggi in costume, infine, guidano il
pubblico in ogni sala.
Il percorso
interattivo permanente, da un’idea del giornalista e scrittore Errico Buonanno,
è curato dell’architetto Massimo Venegoni (Forte di Bard, Experimenta Torino) e
da Laura Giorni (Dialogo nel buio).
Nei tre giorni di Fake. Festival
del Falso e dell
Inganno, si alterneranno incontri con
storici, scienziati e artisti a spettacoli e laboratori per bambini. Tema di
questa prima edizione la Bugia.
Inaugurazione: venerdì 11 settembre ore 17.00
Sede
Castello di Verrone
Via Aldo Moro 1, Verrone
Orari
Mercoledì 9-12, giovedì 9-13, venerdì 17-22,
sabato 15-19, domenica 11-19
Aperture
dedicate da concordare per scolaresche e gruppi
Ingresso
Invernale: 7€ (intero), 6€ (ridotto under
18 e over 65), 5€ (gruppi min. 15 persone, gratuito per l’accompagnatore),
gratuito under 10.
Estivo: 5€ (intero), 4€ (ridotto
under 18 e over 65), 4€ (gruppi min. 15 persone, gratuito per l’accompagnatore),
gratuito under 10.
Per informazioni

Articolo precedenteOne dress: two way for wearing It.
Articolo successivoBookSound, i libri alzano la voce
Ciao, sono Emanuela, donna, moglie, madre e blogger con studi classici e formazione giuridica, eclettica per natura e per destino, “nerd” quanto basta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here