Inaugurata a Milano la mostra ISIA DESIGN CONVIVIO: i 60 migliori progetti in occasione di EXPO 2015

0
379

ISIA DESIGN CONVIVIOSperimentazione didattica: progetti, scenari e societàEvento
collaterale di EXPO Milano 2015
a cura di Marco Bazzini e
Anty Pansera



Dal 6 al 26 giugno 2015
Biblioteca Umanistica
dell’Incoronata
Corso Garibaldi, 116 – Milano

 
Si è inaugurata venerdì 5 giugno la mostra
ISIA DESIGN CONVIVIO, evento collaterale di
EXPO Milano 2015, che fino al 26 giugno espone
i 60 migliori progetti dei quattro Istituti Superiori
per le Industrie Artistiche – ISIA Faenza, ISIA Firenze, ISIA Urbino, ISIA
Roma
-, da cinquant’anni punto di riferimento per la formazione
universitaria alle discipline della progettazione.

L’evento espositivo, sviluppato in collaborazione e con il
supporto del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della
Ricerca
(MIUR / comparto Alta Formazione Artistica e Musicale), è stato
introdotto dalla senatrice Josefa Idem, membro della VII
commissione permanente (Istruzione pubblica, beni culturali), da Nando
Dalla Chiesa
, presidente ISIA Urbino, e dai curatori della mostra
Marco Bazzini e Anty Pansera, rispettivamente
presidenti di ISIA Firenze e ISIA Faenza.

ISIA DESIGN CONVIVIOruota attorno
al tema del “convivio” come metafora della conoscenza
che nutre la mente, oltre che il corpo
. Ispirandosi alla metafora del
“banchetto di sapienza” presente nel Convivio di Dante, il progetto
espositivo mette in scena il lavoro didattico e progettuale dei quattro ISIA
sulla scia delle suggestioni dantesche con cui sono articolati i quattro
trattati del libro. In mostra dunque si potrà vedere una selezione dei progetti
più recenti degli studenti ISIA che si relazionano ai temi dei trattati
mostrando come il loro design abbia l’obiettivo di migliorare il benessere e la
qualità di vita. Le quattro sezioni sono: design e conoscenza per tutti;
sensi del progetto; design, ricerca e metodo; virtù del progetto.
L’allestimento immersivo che occupa lo spazio della
quattrocentesca Biblioteca Umanistica dell’Incoronata in
Milano, è stato curato da Mirko Tattarinie sviluppato in collaborazione con gli
studenti del corso di Design Strategico dell’ISIA di Firenze. Oltre ai
progetti esposti in mostra, tra cui una selezione di
oggetti storici provenienti dagli archivi ISIA e insigniti di
premi e menzioni, la narrazione è completata da un’installazione in
video mapping multicanale
che racconta una storia non sequenziale degli
ISIA, primi in Italia a concepire e sviluppare una formazione a livello
universitario nel settore del design, attraverso le personalità che ne hanno
animato il percorso sin dalla nascita. Il progetto video, che presenta
particolari intermezzi i cui pattern sono direttamente ispirati alle
sperimentazioni di geometria descrittiva di Dante Nannoni, è
stato coordinato da Giancarlo Torri di ISIA Firenze. 
Parte integrante del progetto ISIA DESIGN
CONVIVIO
è anche il catalogo bilingue pubblicato dalle Edizioni
Aiap, e realizzato dagli studenti di ISIA Urbino guidati dalla docente Silvia
Sfligiotti con il coordinamento redazionale di Marinella Paderni. Il libro,
oltre ad illustrare i progetti, descrive esaustivamente la storia degli ISIA,
giocando nei titoli e nella copertina su uno specifico carattere tipografico
come tratto distintivo.
ISIA DESIGN CONVIVIO è stato
coordinato da: Marinella Paderni (ISIA Faenza), Mirko Tattarini (ISIA Firenze),
Marco Vagnini (ISIA Roma), Silvia Sfligiotti (ISIA
Urbino). 
Scheda tecnica della
mostra
ISIA DESIGN
CONVIVIO
Sperimentazione didattica: progetti, scenari e
società
 

Promossa daMinistero dell’Istruzione dell’Università e
della Ricerca
AFAM (Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica)
ISIA
Faenza
ISIA Firenze
ISIA Roma
ISIA Urbino 

Con il contributo diMinistero
dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca 
Con il patrocinio diExpo Milano
2015
Expocittà
Aiap
ADI 
Partner TecniciOpinion
Ciatti
Shapeways
Project Italia 
DoveBiblioteca Umanistica
dell’’Incoronata
Corso Garibaldi 116, Milano 
Quandodal 6 al 26 giugno 2015
Tutti i
giorni 10 – 22 
IngressoLibero 
:

Articolo precedenteARTE A ROMA: “LA CUCINA DEI DE DOMINICIS”
Articolo successivo“MAURO C’HA DA FARE” DI ALESSANDRO DI ROBILANT DAL 18 GIUGNO IN PROGRAMMAZIONE AL FILMSTUDIO DI ROMA
Ciao, sono Emanuela, donna, moglie, madre e blogger con studi classici e formazione giuridica, eclettica per natura e per destino, “nerd” quanto basta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here