La storia dell’arte dall’antichità al Rinascimento | In libreria l’ultimo libro di Giorgio Cortenova

0
424

Image

GIORGIO CORTENOVA
LA FORMICA NERA
Edizioni Academia Universa Press
 
Da uno degli studiosi di riferimento della critica d’arte degli ultimi quarant’anni, un nuovo modo di raccontare l’arte e la sua storia, dalle origini al primo Rinascimento.
La formica nera (Edizioni Academia Universa Press) è il titolo dell’ultima grande opera di Giorgio Cortenova (1944-2013), studioso di riferimento nel panorama della critica d’arte degli ultimi quarant’anni che presenta un nuovo modo di raccontare l’arte e la sua storia, dalle origini al primo Rinascimento, in modo semplice ma efficace, fornendo gli strumenti critici fondamentali per cogliere il fatto artistico nelle sue varie epoche ed espressioni.

La formica nera è un viaggio affascinante all’interno dell’universo artistico, lungo un arco temporale che lega le prime esperienze creative umane, testimoniate dalla civiltà preistoriche, fino ai maestri del primo Rinascimento italiano, sia quello fiorentino di Sandro Botticelli, che quello ferrarese della triade Cosmè Tura, Francesco del Cossa ed Ercole de’ Roberti, a quello veneziano, con i Vivarini, i Bellini, Vittore Carpaccio e Cima da Conegliano.
Il racconto, corredato da immagini a colori, supera il tradizionale approccio enciclopedico e conduce il lettore alla scoperta dei significati profondi dell’esperienza artistica, senza eccedere in tecnicismi, con una rara capacità di cogliere l’essenza dell’arte lungo il corso dei secoli.

Giorgio Cortenova giunge così a una sintesi narrativa in grado di proporre un inedito approccio narrativo capace di offrire coordinate generali a chi si accosta per la prima volta a questi ambiti, ma anche analisi e riflessioni nuove e illuminanti per i più esperti.
Il volume è disponibile in tutte le librerie e nei bookstore on line.


Note biografiche
Giorgio Cortenova (Como, 1944 – Arco, TN, 2013) ha diretto per oltre venticinque anni la Galleria d’Arte Moderna di Verona a Palazzo Forti, ideando e organizzando da autentico precursore una sequenza straordinaria di mostre e rassegne dedicate ai massimi esponenti dell’Arte internazionale visitate da milioni di persone, proponendo una visione del fatto artistico come cultura, conoscenza, ricerca, ricchezza interiore. Tra queste, si possono ricordare “Degas scultore”, “Modigliani a Montparnasse”, “Da Van Gogh a Schiele”, “Picasso in Italia, “Da Magritte a Magritte”, “Paul Klee”, “Vasilij Kandinskij”, “Toulouse Lautrec”, “Dalí, Miró, Picasso e il Surrealismo Spagnolo”, “Kandinskij, Chagall, Malevic e lo Spiritualismo Russo”, “Il Settimo splendore. La modernità della malinconia”.

È stato una firma della pagina della Cultura del Corriere della Sera e autore di numerosi saggi che hanno accompagnato le sue rassegne a Palazzo Forti e in altre istituzioni; scrittore di rara efficacia, narratore in grado di proporre analisi critiche e spunti interpretativi sempre interessanti. Nell’ultimo decennio della sua attività professionale si è dedicato anche alla stesura di quest’opera – di cui La formica nera rappresenta il primo volume – con l’obiettivo di offrire alle nuove generazioni di lettori una Storia dell’Arte capace di “parlare” in modo semplice ma efficace, fornendo gli strumenti critici fondamentali per cogliere il fatto artistico nelle sue varie epoche ed espressioni.
Articolo precedenteCompie 40 anni “Il pubblico della poesia” – Castelvecchi – il 10 dicembre in libreria
Articolo successivoVANISHING COVER: PITACCO IN MOSTRA PER “VEDERE LA MUSICA”
Ciao, sono Emanuela, donna, moglie, madre e blogger con studi classici e formazione giuridica, eclettica per natura e per destino, “nerd” quanto basta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here