LUCA TRAZZI. CROMATERIA

0
699
Image
FINO AL 17 APRILE
2016

IL CHIOSTRO DEL MUSEO DIOCESANO DI
MILANO

OSPITA LE INSTALLAZIONI
DI

LUCA TRAZZI.
CROMATERIA

Image

Dal 12 al 17 aprile 2016,
durante la settimana milanese del design, il Chiostro del Museo
Diocesano di Milano ospiterà Cromateria, una serie di installazioni curate dal
designer Luca Trazzi
, che condurrà il visitatore all’interno di un
percorso sensoriale e creativo caratterizzato dall’uso alternativo di vernici,
colori e materiali.

Cromateria è un
evento promosso da Sirca, azienda di vernici da tempo attenta al mondo dell’arte
e dell’architettura in particolare. Il Vice Presidente di Sirca Maurizio
Durante
ne spiega i motivi:
“Cromateria metterà finalmente in relazione
chi progetta con chi produce. Quando si “tocca” un mobile o un complemento
d’arredo o un altro manufatto, infatti, si ha spesso a che fare con un prodotto
verniciante, ed ecco che il nostro apporto diventa fondamentale. Siamo parte
integrante del mondo dell’arredamento, così come di quello dell’architettura, e
come tali ci proponiamo di risolvere le esigenze di universi che vanno
diversificandosi. Per questo abbiamo invitato i nostri clienti-partner a
partecipare a Cromateria: nessuno di noi è
direttamente coinvolto nel Salone del Mobile, ma siamo tutti elementi di un
comune processo di design e progettazione che riguarda materiali e
superfici.”
Accompagna il percorso un ricco programma di conferenze e altre iniziative, come il corso con crediti
formativi per architetti, in programma mercoledì 13 aprile.
Il Museo Diocesano di Milano, all’interno del complesso di Sant’Eustorgio, fa parte del circuito
artistico-culturale delle “5 Vie” che collega le più significative
testimonianze culturali milanesi, dalla Pinacoteca Ambrosiana al Museo
Archeologico, compreso il Cenacolo Vinciano e altri luoghi.

LE INSTALLAZIONI DI
CROMATERIA
Le installazioni di Luca Trazzi si
animeranno durante la sera con proiezioni di luci e colori, immagini e musica.
Sul quarto lato mancante del Chiostro, ricostruito con una parete di elementi
modulari di acciaio verniciato – lunga 36 metri e alta 6 metri – saranno
proiettate con la tecnica del videomapping alcune opere appartenenti alla
collezione del museo, intervallate da immagini che valorizzeranno il contributo
dell’industria a questo evento.
Le due torri alte 12 metri che sosterranno
il sistema multimediale di videoproiezione si svilupperanno su una struttura a
spirale in ferro e infissi in legno sovrapposti, alla cui base saranno inserite
due lame d’acqua; nel portico sarà esposto, affiancato da due panche di legno
rivestite con un prodotto derivato da fonti rinnovabili, un tavolo conviviale
lungo 18 metri costruito con un casellario di colori e superfici ottenuti e
verniciati con prodotti Sirca.
In questo modo il visitatore avrà un ruolo
attivo, da un lato, sperimentando con mano diversi materiali e finiture e,
dall’altro, scoprendo i colori di tendenza per il 2016, nelle versioni lucidi e
opachi, nonché differenti texture.
Milano, aprile 2016

LUCA TRAZZI. 
CROMATERIA
Museo Diocesano di Milano (corso di
Porta Ticinese 95)
Dal 12 al 17 aprile
2016
Orari: 10.00-24.00
Ingresso libero
Informazioni: tel.
02.89420019;
info.biglietteria@museodiocesano.it
BIOGRAFIA LUCA
TRAZZI
Luca Trazzi architetto e un designer
industriale, è nato a Verona nel 1962. Insignito già in giovane età del premio
Carlo Scarpa, ha lavorato per quattordici anni accanto ad Aldo Rossi, di cui è
stato stretto collaboratore e assistente.
Oggi si divide tra Milano e il suo studio a
Shanghai; è inoltre il fondatore di designboom.com e progetta per i più
prestigiosi marchi internazionali
Luca Trazzi ama disegnare oggetti che non
seguono le mode, oggetti da toccare, accarezzare, oggetti che ci accompagnano
nella giornata e nei nostri gesti quotidiani.
Oggetti facili da usare, da capire, belli da
vedere. Oggetti dalle forme semplici, accattivanti, linee che non passano di
moda. L’attenzione al particolare e al dettaglio è la caratteristica che viene
letta nel lavoro di Luca Trazzi.
Parallelamente al design interpreta i
luoghi, in modo artistico, attraverso le installazioni che rappresentano la
‘messa in scena’, quasi in un teatro a cielo aperto, delle sue visioni e dei
suoi pensieri.
In quest’ambito ricordiamo gli allestimenti:
Cucù Duomo: l’orologio di Milano, a favore della Veneranda Fabbrica del Duomo;
Yellow Tower per Veuve Clicquot, nel cortile principale dell’Università Statale
di Milano; T garden, nel cortile principale dell’Università Statale di Milano; T
energy, nel cortile Farmacia dell’Università Statale di Milano, Nuvole d’oro,
l’installazione luminosa realizzata nella storica via Dante a Milano.

SIRCA opera da 40 anni nel settore vernici,
resine e collanti, con 5 brand che lavorano in sinergia con il laboratorio
R&D e in collaborazione con l’Università di Padova. Proprio grazie
all’investimento in ricerca e avanzamento tecnologico, e all’attenzione
riservata al tema della sostenibilità ambientale, Sirca riesce a imporsi anno
dopo anno su scala globale.






Intuendo il ruolo fondamentale che il colore
e le vernici rivestono già in sede di progettazione e di scelta dei materiali,
Sirca ha aperto da tempo un dialogo con il mondo dell’architettura e
dell’arredamento, promuovendo idee e valori attraverso l’organizzazione di
eventi culturale che pongano al centro del dibattito i processi creativi,
nell’arte ma non solo.

#sirca
#arte
#lucatrazzi
#cromateria

Articolo precedenteDOPPIO CAPOLAVORO. Antonello da Messina dalla Sicilia a Torino | Palazzo Madama Torino
Articolo successivoPresentazione di 784. sculpture armchair di Carlo Colombo
Ciao, sono Emanuela, donna, moglie, madre e blogger con studi classici e formazione giuridica, eclettica per natura e per destino, “nerd” quanto basta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here