Quando la passione diventa professione: al via Lucca Jazz Donna

0
474
LUCCA JAZZ DONNA
2015


Ospiti del festival Emiliana
Martinelli, Talitha Ciancarella, Federica Gennai e Cristina Puccinelli
Quando la passione diventa professione:
al via Lucca Jazz Donna
Giovedì 10 settembre alle 17 a Palazzo
Ducale il festival inizia con una tavolarotonda
E l’intermezzo musicale di Gaia
Mattiuzzi e Francesco Cusa “Skinshout”
“Quando la passione diventa
professione”: inizia con la seconda edizione di questa tavola rotonda dedicata
ai talenti al femminile l’undicesima edizione di Lucca Jazz Donna, il festival
organizzato dal 2005 dal Circolo Lucca Jazz insieme al Comune di Lucca ed alla
Provincia di Lucca, con il sostegno del Comune di Capannori, dalla Regione
Toscana, della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e della Fondazione Banca
del Monte di Lucca e la collaborazione di moltissimi soggetti ed associazioni.
Giovedì 10 settembre alle 17 a Palazzo
Ducale (Sala Maria Luisa, cortile Carrara, Lucca), saranno ospiti Emiliana
Martinelli, designer, Talitha Ciancarella,

Talitha Ciancarella

libraia, Federica Gennai,

Federica Gennai

cantante
jazz, e Cristina Puccinelli, 

Cristina Puccinelli


attrice e regista. Modera Anna Benedetto,
giornalista.
Mentre ciascuna parlerà della propria
professione da un punto di vista personale e femminile, in sala sarà esposta
un’anteprima della mostra fotografica “Jazz in Pink” di Cinzia Guidetti, ed è
previsto un intermezzo musicale di Gaia Mattiuzzi alla voce e Francesco Cusa

Gaia Mattiuzzi e Francesco Cusa

alla batteria, con il progetto “Skinshout”.

“Si tratta del un nuovo progetto del
poliedrico batterista e compositore siciliano con la cantante dalle grandi doti
vocali e straordinaria sensibilità – spiega la direttrice artistica del
festival, Patrizia Landi, che li ha scelti per completare con la musica la
tavola rotonda -. I due rielaborano canti di tradizione arcaica africana pescati
tra i reperti di Alan Lomax. Una musica ricca e intensa oltre i limiti della
vocalità ampiamente modulata dalla Mattiuzzi e dal sofisticato drumming di Cusa.
Entrambi riescono ad attingere elementi basilari della cultura africana e
innovativi del jazz che trovano nell’improvvisazione il veicolo ideale per
rivelarsi. Un canto che si fa strazio, grido, sofferenza, gioia e
tenerezza”.

In occasione dell’evento, che è a
ingresso libero, è previsto un servizio di animazione e lettura rivolto ai
bambini dai 3 ai 12 anni, realizzato dalla Provincia di Lucca con il
finanziamento della Regione Toscana, nell’ambito dell’accordo territoriale di
Genere 2014 – L. 16/2009 Cittadinanza di genere – Progetto Family Frendly –
Maggior Benessere per i lavoratori e per le loro famiglie.
Il prossimo appuntamento del festival è
sabato 12 settembre alle 17,30 a Palazzo Ducale (Sala Mario Tobino, cortile
Carrara) con l’inaugurazione della mostra fotografica “Jazz in Pink” di Cinzia
Guidetti
Per informazioni: www.luccajazzdonna.it


Cosa è Lucca Jazz Donna
Lucca Jazz Donna è un festival dedicato
alla figura femminile; la cadenza è annuale e il suo scopo è individuare,
selezionare e valorizzare la donna nel jazz: nel canto, nella composizione e
nell’arrangiamento, nell’uso dei vari strumenti e stili musicali.
È nato nel marzo 2005 perché cadesse
nel periodo in cui ricorre la festa della donna, negli anni si è sviluppato in
diverse stagioni dell’anno.
Sin dalla prima edizione ha portato a
Lucca alcune tra le più grandi stelle del panorama jazzistico. È stata lanciata
sul suo palco, quando era un astro nascente, la batterista Kim Thompson, oggi
ricercatissima sulla piazza musicale newyorkese. Nel 2006 è stata ospite Ruth
Young, ultima compagna di Chet Baker, per anni assente dalla scena musicale. In
quella edizione ha fatto la sua comparsa anche un artista d’eccezione, il
clarinettista di fama mondiale Tony Scott. Nel 2007 sono state ospiti Nicky
Nicolai, la sassofonista americana Lisa Pollard, che è stata elemento stabile
dell’orchestra di Duke Ellington, MaiaClaire e Joy Garrison, figlie di Jimmy
Garrison. Nel 2008 è stata ospite d’onore la grandissima violinista Regina
Carter, ed ha chiuso il festival Roberta Gambarini, considerata l’erede di Ella
Fitzgerald, cantante italiana molto conosciuta e apprezzata soprattutto negli
Stati Uniti. Nel 2009, edizione dedicata a Billie Holiday a 50 anni dalla sua
scomparsa, si sono esibite artiste come Michele Hendricks, Rita Marcotulli e
Tiziana Ghiglioni, mentre nel 2010 è stata la volta di Susanna Stivali &
Stefania Tallini, Virginia Mayhew, Giuliana Soscia, Claudia Tellini, Carla
Marciano e i “Gaia Cuatro” con, dal Giappone, la violinista Ashka Kaneko. Il
2011 ha visto ospiti nomi come la pianista statunitense Dena DeRose l’esuberante
talento giapponese Chihiro Yamanaka e la coinvolgente Ana Karina Rossi in
“Piazzolla al femminile”. Il 2012, anno in cui il festival si è svolto in due
sessioni (una primaverile e una autunnale), ha visto ospiti la cantante
statunitense Denise King e Antonella Mazza al contrabbasso e voce, Anna Chulkina
al violino e Michela Lombardi alla voce in una serata realizzata in
collaborazione con Lubec, salone nazionale dei beni culturali.
Lucca Jazz Donna 2013 ha visto ospiti,
tra le altre, la raffinatissima Barbara Casini e Titta Nesti che ha coinvolto il
pubblico nella sua costante ricerca di sonorità, mentre il 2014 ha accolto tutta
l’energia della “Musica nuda” con Petra Magoni e Ferruccio Spinetti.
A partire dal 2008 si è svolto
nell’ambito del festival il Premio Lucca Jazz Donna per la migliore formazione
jazz emergente al femminile, per valorizzare la crescita dei giovani talenti
donne nel jazz. Il concorso ha avuto un discreto successo a livello nazionale,
assegnando ogni anno un premio al miglior progetto la cui leader è donna. Al
momento è in corso la sesta edizione del premio.
Appuntamento attesissimo per gli
appassionati del genere, Lucca Jazz Donna ha registrato negli anni un incremento
costante di pubblico e di apprezzamento da parte dei musicisti e degli addetti
ai lavori. Il calendario generalmente comprende concerti in diverse location del
centro storico, alcuni dei quali a ingresso libero. Il sito della manifestazione
è
www.luccajazzdonna.it
Il programma dettagliato del festival è
consultabile su
www.luccajazzdonna.it. Ulteriori
punti informativi: Centro Pari opportunità della Provincia di Lucca, Cortile
degli Svizzeri, 2 (0583.417.489,
centro.po@provincia.lucca.it) e
Comune di Lucca, Ufficio relazioni con il pubblico, via del Moro, 17
(0583.44.24.44, 
urp@comune.lucca.it).
Organizzazione
Comune di Lucca, Provincia di Lucca,
Circolo Lucca Jazz, con il sostegno della Regione Toscana, della Fondazione
Cassa di Risparmio di Lucca e della Fondazione Banca del Monte di Lucca.
Direzione artistica e
coordinamento festival
: Patrizia Landi. Da un’idea di Giampiero
Giusti.
Fotografo Ufficiale: Laura
Casotti – Responsabile accrediti fotografici
Collaborazioni
Opera delle Mura,
Azienda Usl 2 Lucca, Fondazione antica zecca di Lucca, Mediaus, Publimax,
AnimaJazz, Jazzitalia, Istituto Musicale “Luigi Boccherini” di Lucca, Il
Cappellaio Matto Centro Musicale di Lucca, Menicagli Centro Pianoforti di
Livorno.
Articolo precedenteRed and black quite cheap!
Articolo successivoAndrea Camilleri ha compiuto 90 anni!
Ciao, sono Emanuela, donna, moglie, madre e blogger con studi classici e formazione giuridica, eclettica per natura e per destino, “nerd” quanto basta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here